CASA E&F
Abitazione privata a Chiavenna
2011/2012

Il controllo dello spazio domestico è propedeutico alla possibilità di aprirlo al confronto con le altre persone. Si trova accoglienza ad ogni domanda, perché nulla resta sconosciuto e tutto è chiaro. La scoperta sta nell’andare a fondo nella ricerca della risposta, che non negata, attende solo l’essere compresa.

Entrando in casa, valicata la quinta d’ingresso, una parete in cristallo mostra un ricco disegno in legno in diverse essenze, una presenza che pone il dato della diversità dentro una famigliare condivisione.Un dinamismo riconoscibile questo, che introduce, con la trasparenza del vetro, lo schiudersi degli spazi più riservati della casa. Il pavimento in legno (wengè) invade tutti gli spazi, diventando anche parete del mobile che divide la cucina dal soggiorno. Il tavolo da pranzo in noce, fiorisce con gli schienali laccati delle sedute, che anticipano il colore protagonista della cucina, citazione della nota affettatrice cara ai proprietari. In questa seconda zona il pavimento lascia spazio ad una pietra locale (beola spluga), che per complementarietà equilibra il colore dei mobili. Un “fiore d’essenze” è il tavolo del tè, che disposto accanto al calore della stufa, lascia lo sguardo correre sul paesaggio circostante.

La declinazione del legno di materiale differente, segue il diverso uso dello spazio, in relazione alla persona che lo abita.

BVS Chiavenna21

BVS Chiavenna14

BVS Chiavenna01

BVS Chiavenna08

BVS Chiavenna04

BVS Chiavenna07

BVS Chiavenna11

BVS Chiavenna09

BVS Chiavenna10

BVS Chiavenna12

BVS Chiavenna15

BVS Chiavenna16

BVS Chiavenna17

BVS Chiavenna19

BVS Chiavenna18

BVS Chiavenna20

 

CREDITI

Progetto: Giorgio Melesi

Design: Giorgio Melesi

Produzione: Del Curto

Foto: Lorenzo Carone